L'ALTRA LETTERA.

LE MIE CONFESSIONI.

tratto dal libro

"Io Paolo" di François Vougà.

edizioni Paoline

2008 

 

E se l'apostolo Paolo avesse scritto le sue confessioni? Avrebbe affidato il manoscritto a Timoteo, alla vigilia della sua partenza da Corinto per un terzo viaggio a Gerusalemme, prima di imbarcarsi per la Spagna. Un viaggio verso l’ignoto dal quale non ritornerà. In questo racconto teatrale c'è tutto: le intuizioni, le lotte, le ferite, le parole delle lettere scritte da Paolo alle giovani comunità cristiane di tutto il Mediterraneo. Questo sorprendente racconto percorre l’itinerario e la storia personale di un Paolo sensibile, riflessivo, entusiasta e profetico. Tenero e affettuoso verso il suo discepolo Timoteo. 

Queste confessioni ci presentano una nuova visione della figura di Paolo e del suo pensiero, lontana dai comuni stereotipi: Paolo è innanzitutto un paladino della libertà, il difensore rivoluzionario dell'uomo come soggetto libero e responsabile, un  viaggiatore instancabile nell'impero cosmopolita. Per lui la fede nel Cristo crocifisso e risorto sconvolge il vecchio ordine e rinnova la nostra visione della persona e della comunità.

la lettera

di Paolo

mai scritta

voci

narranti

WALTER PERARO

SIMONETTA GIACON

ANTONELLA ZANCHI

sax contralto /effetti

acustici

MASSIMO ZAMPIERI

flicorno, tromba, piano. percussioni

ROBERTO ZANTEDESCHI

 

voce

ANNA SACCHETTO


adattamento, dialoghi, immagini e regia

MARCO L. ZANCHI

in collaborazione con

Centro di Comunicazione e Cultura

EDIZIONI PAOLINE

richiesta

e info

rappresenta

zioni